Lungo il Fiume

10 Febbraio. UNA STORIA CHE AFFASCINA ANCORA

Quando da bambino ascoltavo le favole mi veniva spontaneo immedesimarmi nella scena che si presentava in quel momento alla mia immaginazione, tanto da sentirmi coinvolto da vero protagonista in tutto ciò che succedeva. Poi da ragazzo mi applicavo ad imitare le persone più grandi che ritenevo particolarmente significati ve attraverso l’osservazione del loro comportamento e del loro modo di parlare. Ancora oggi, quando leggo il Vangelo, mi sembra di avere Gesù davanti agli occhi. Forse non riesco ad avere in mente tutte le varie interpretazioni esegetiche che il testo racchiude ma cercare di rivivere interiormente la scena per me serve più di una riflessione teorica. Questo mi aiuta molto a diventare sempre più fedele alla persona di Cristo senza dubbi e incertezze. I medici si rifiutano di cu rare pazienti che usano altre medicine insieme a quelle da loro prescritte, soprattutto se hanno effetti contra stanti, perché così facendo si debilita l’organismo. Purtroppo molti cristiani seguono una doppia prescrizione: un po’ accettano l’insegnamento di Cristo e un po’ simpatizzano con opinioni opposte. Se un prete arriva a questi compromessi non dà certo un buon esempio e non sarà mai soddisfatto della sua vita. Io preferisco rimanere un po’ bambino nella mia voglia di immedesimarmi nella meravigliosa favola di Gesù che ha ancora la forza di affascinarmi.

12 Febbraio. IL PADRE SPIRITUALE

Tanti nostri ragazzi sembrano bloccati nella vita, non sanno che pesci pigliare, indecisi, solitari e introversi, a volte addirittura violenti. I genitori, preoccupati, si affrettano a inviarli dallo psicologo perché riesca in quell’arduo compito di relazionalità dove invece essi si sentono inadeguati e sconfitti nel rapporto con i figli. Credo che tutti abbiano sentito il bisogno di confidarsi con qualcuno soprattutto nei particolari momenti di svolta dell’esistenza. A tale proposito Sant’Ignazio paragona il diavolo ad un seduttore che vuole ingannare una ragazza ingenua. Le dice tante cose ma vuole che tutto rimanga segreto, perché se si viene a sapere lui fallirà. Il paragone serve come raccomandazione ai giovani perché imparino a rivelare i loro progetti e le loro idee ad una persona fidata e di esperienza. Per un cristiano questa persona si chiama padre spirituale. Chi non accetta i consigli del padre spirituale presume di essere in grado di vedere bene da solo, senza un aiuto. Ma proprio questa sicurezza può essere l’inganno più grande. Se l’orizzonte si restringe non si vede, come si dice, neanche la punta dei propri piedi. Al contrario, chi osserva il panorama dall’alto della montagna vede ogni cosa nella sua giusta dimensione. Il padre spirituale al quale si rivelano i propri problemi deve aiutare a vederli inseriti nel contesto più ampio della luce divina. Noi preti abbiamo questo compito, aiutiamo i fratelli a scoprire di essere una piccola pietra nel grande mosaico della Provvidenza, dove ognuno ha il suo posto e la sua vocazione nonostante i periodi bui e tormentati della sua giovinezza.

13 Febbraio. QUELLO CHE DI E’ DATO
Capita a volte che la giornata non ti riservi molte soddisfazioni. Le persone non sono state affettuose, piace voli, simpatiche come avresti voluto. Le cose non sono andate per il verso giusto e ti sentiresti autorizzato a volgere altrove il tuo sguardo verso un orizzonte migliore. Contro questa tentazione di fuga ho imparato a difendermi rimanendo al mio posto cercando di approfondire le povere relazioni che oggi mi vengono donate perché sono le uniche certe delle quali posso disporre nonostante i loro limiti. Verso di esse ho dei doveri precisi che oggi mi sono più o meno chiari, ma il futuro è addirittura un mistero. L’esperienza mi ha mostrato già tante volte che quello che accade non è mai come l’avevo sognato o immaginato, in senso buono o cattivo. Oggi, domani e dopodomani continuerò ad andare per la mia strada. Quella che mi viene data e solo in questo modo sono sicuro di non lasciarmi spaventare né dalle persone che incontro né dalle mie fantasie.

© 2013 Church Theme | Made with love.
Top
Follow us: